I nostri uffici

Via Germania 19 - Vigonza PD

Il nostro canale Telegram

t.me/qstpadova

Corsi in partenza

06/09/2022 Corso RLS 32 ore - 09/09/2022 DPI III Categoria - 12/09/2022 Carrelli Industriali 12 ore - 23/09/2022 RSPP Basso Rischio

I nostri servizi

I nostri servizi hanno un’impronta Personalizzata e mirata alle reali e specifiche problematiche tecnico-organizzative dell’azienda. Viene prestato inoltre il massimo supporto alle funzioni aziendali nell’acquisizione e assunzione delle necessarie informazioni tecniche, normative e di legge. QST garantisce l’assoluta certezza dei costi, proposti in maniera chiara, calibrati sulle specifiche esigenze del cliente e suddivisi per ogni singola fase di intervento.

Sicurezza

La consulenza per l’applicazione dei requisiti previsti dalla legislazione in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, come previsto dal D.Lgs. 81/08, viene realizzata avvalendosi di professionisti qualificati.

Formazione

Organizziamo corsi di formazione sia in azienda che multi-aziendali offrendo il supporto per il reperimento delle risorse economiche utili al finanziamento degli interventi formativi.

Sistemi

Ti supportiamo per l’applicazione delle norme e nell’iter di certificazione progettando e gestendo tutte le fasi dalla prima analisi organizzativa alla verifica dell’implementazione del sistema ed i successivi controlli.

Marcatura

Ti assistiamo per l’applicazione delle direttive comportanti Marcatura CE per i prodotti che ricadono negli obblighi della Direttiva Macchine, PED (Pressure Equipment Directive) e altre direttive applicabili.

Digital strategy

Una serie di servizi pensati per le aziende che vogliono digitalizzare i propri processi organizzativi e utilizzare il web per promuovere la propria attività, ad esempio con un proprio sito internet o con la presenza sui social.

Fondi interprofessionali

Sarà nostra cura individuare le migliori opportunità di finanziamento e supportarvi nella predisposizione della documentazione necessaria per l'accesso al finanziamento e la successiva gestione.

image

Scarica il calendario dei nostri corsi

Per restare aggiornato sulle iniziative di formazione per il 2021

Approfondimento: alcune considerazioni sull’art 37 e, in particolare, sull’addestramento.

A cura dell’ING. Lorenzo Peghin

Approfondimento: alcune considerazioni sull’art 37 e, in particolare, sull’addestramento.
Approfondimento: alcune considerazioni sull’art 37 e, in particolare, sull’addestramento.

Approfondimento: alcune considerazioni sull’art 37 e, in particolare, sull’addestramento: l’aggiornamento del comma 5 dell’art 37 individua due passaggi obbligatori per documentare l’avvenuto addestramento all’utilizzo di attrezzature, macchine, impianti, sostanze e dispositivi di protezione individuale: il primo si riferisce al superamento di una prova pratica; il secondo ad una esercitazione pratica che dia evidenza dell’attuazione delle procedure di lavoro in sicurezza.

A nostro avviso, l’inserimento della parola “inoltre” nel testo rende obbligatori i due passaggi al fine di  documentare l’avvenuto addestramento.

Come distinguere una prova pratica da un’esercitazione pratica?

Distinguiamo due casi possibili, lavoratore che da tempo opera in azienda e a conoscenza delle modalità lavorative e nuovo assunto o lavoratore addetto per la prima volta all’attività ricadente nell’obbligo di addestramento; evidentemente le modalità per dimostrare l’avvenuto addestramento dovranno percorrere due vie diverse.

  1. Nel caso di lavoratore esperto la documentazione della prova pratica potrebbe consistere nel dimostrare la conoscenza del funzionamento, delle sicurezze dove presenti, dei limiti funzionali e operativi, nonché dei rischi che l’attività comporta; mentre l’esercitazione pratica dovrebbe consistere nel dimostrare operativamente che si rispettano le procedure di sicurezza previste e, necessariamente, presenti come tratte e approfondite dalle istruzioni corredate dal costruttore o produttore.
  2. Nel caso del lavoratore addetto ad una nuova mansione ritengo che la prova pratica avvenga alla fine di un percorso formativo documentato e suddiviso in più passaggi attuato con l’assistenza di un tutor esperto.

In questo caso i passaggi potranno comprendere, la spiegazione delle modalità operative e di utilizzo, una prima dimostrazione pratica eseguita dal tutor, prime prove eseguite sotto la sorveglianza del tutor per arrivare in tempi più o meno lunghi, a seconda della difficoltà e del rischio, ad una esercitazione pratica in autonomia del nuovo addetto considerando l’insieme delle attività formative come prova pratica.

Altre news sulla formazione qui.

Per ulteriori info scrivici a info@qst-online.it

 

Protocollo COVID-19

Il 30 giugno 2022 è stato sottoscritto dal Ministero del Lavoro, dalle Parti Sociali e dal Ministero della Salute il nuovo Protocollo condiviso di aggiornamento delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2/COVID-19 negli ambienti di lavoro.

Il Protocollo riprende e aggiorna le procedure e le indicazioni, presenti nei precedenti Accordi Condivisi, volte a garantire l’efficacia delle misure precauzionali di contenimento adottate per contrastare l’epidemia di COVID-19, negli ambienti non sanitari.

Si stabilisce, quindi, quanto segue “i Datori di Lavoro aggiornano il Protocollo condiviso di regolamentazione all’interno dei propri luoghi di lavoro, applicando le misure di precauzione elencate per tutelare la salute delle persone presenti all’interno dei luoghi di lavoro e garantire la salubrità dell’ambiente di lavoro”.

Il nuovo Protocollo sarà in vigore fino al 31 ottobre 2022.

Termine Stato Emergenza

Durante il periodo di emergenza, la mancata effettuazione degli aggiornamenti necessari – in materia di formazione sulla Sicurezza dei Lavoratori – non precludeva lo svolgimento dell’attività lavorativa.

E’ ora importante sottolineare che – con il termine dello stato di emergenza – sarà obbligatoriamente necessario completare gli AGGIORNAMENTI dei corsi che i datori di lavoro, avevano valutato di posticipare per le questioni inerenti al Covid-19.

 

image