Formazione Antincendio

La Formazione Antincendio, va aggiornata?

La risposta a questa frequentissima, quanto importante, domanda è da ricercarsi nel riferimento normativo che di seguito riportiamo:

D.Lgs 81/2008 – Art. 37

“I lavoratori incaricati dell’attività di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave ed immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dell’emergenza, devono ricevere un’adeguata e specifica formazione ed un aggiornamento periodico;

in attesa dell’emanazione delle disposizioni di cui al comma 3 dell’articolo 46, continuano a trovare applicazione le disposizioni in cui al decreto del Ministero dell’Interno in data 10 marzo 1998, pubblicato nel S.O. alla Gazzetta Ufficiale n. 81 del 7 aprile 1998, attuativo dell’articolo 13 del decreto legislativo 19 settembre, n. 626.”

Nuove Schede di Sicurezza

REGOLAMENTO 2020/878

NECESSITÀ DI AGGIORNAMENTO

 

Il 26 giugno 2020 è stato pubblicato il nuovo Reg. (UE) 2020/878 che modifica l’Allegato II del REACH relativo alle “Prescrizioni per la
compilazione delle schede di dati di sicurezza (SDS)” per sostanze e miscele, abrogando il precedente Reg. (UE) 830/2015 con
applicazione delle nuove prescrizioni dal 1° gennaio 2021. Deroga: le SDS non conformi all’allegato del Regolamento (UE) 2020/878
possono continuare a essere fornite FINO AL 31 DICEMBRE 2022 (se non soggette a revisione fino a tale termine).
Riportiamo gli aspetti più importanti di questo nuovo Regolamento:

o le Schede di Sicurezza per i prodotti chimici devono includere le prescrizioni specifiche relate alle nanoforme, introdotte dal
Regolamento (UE) 2018/1881, applicabile dal 1° gennaio 2020;
o è stato introdotto, nella sezione 1.1, il codice UFI, un codice alfanumerico di notifica delle sostanze e miscele pericolose funzionale
al nuovo sistema europeo;
o si tiene conto delle prescrizioni dell’Allegato VIII del CLP sui centri antiveleni che, nel caso delle miscele pericolose fornite per l’uso
presso siti industriali, consente di indicare l’identificatore unico di formula (UFI) soltanto nella SDS;
o si impone che per determinate miscele non imballate, l’UFI andrà riportato nella Scheda di Sicurezza;
o interferenti endocrini: vengono integrate nella SDS (nelle sezioni 9 e 14) le disposizioni specifiche relative alle SDS stabilite nella
sesta e settima revisione del Sistema mondiale armonizzato di classificazione ed etichettatura delle sostanze chimiche (GHS).